Skip to main content

Il Presidente del RI, Shekhar Metha, esorta i Paesi al COP26 a proteggere le mangrovie

A cura di

Il Presidente del Rotary International Shekhar Mehta si è unito alla delegazione del Rotary alla 26ª Conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, Scozia, il 10 novembre per esplorare i modi in cui il Rotary può lavorare sulle sfide ambientali, tra cui il ripristino delle mangrovie, un ecosistema cruciale che può mitigare gli effetti del cambiamento climatico nelle aree costiere.

Il summit sul clima, noto anche come COP26 (abbreviazione di Conference of the Parties), ha riunito quasi 100 capi di stato e di governo per un periodo di due settimane per stabilire nuovi obiettivi per le emissioni di combustibili fossili. Questa è stata la prima volta del Rotary alla conferenza annuale.

Mehta ha co-condotto una tavola rotonda con Patricia Scotland, segretario generale del Commonwealth, che si è concentrata sul ruolo critico delle mangrovie nel mitigare e adattarsi al cambiamento climatico. Le mangrovie catturano grandi quantità di carbonio e proteggono anche dalle mareggiate e dall'erosione costiera, filtrano le sostanze inquinanti e forniscono un habitat per la vita acquatica, tra gli altri benefici.

Dei 54 paesi del Commonwealth, 33 contengono ecosistemi di mangrovie che insieme rappresentano il 22% delle mangrovie del mondo. Nell'ultimo mezzo secolo, il 50% dei sistemi di mangrovie del mondo sono stati persi a causa del cambiamento climatico e della rapida urbanizzazione.

"Il mare sta lavando via le coste perché le mangrovie non ci sono più", ha detto Mehta. "Stiamo perdendo il nostro ecosistema. Quando le mangrovie moriranno, il nostro sistema marino e le comunità costiere saranno persi".

Rappresentanti del clima e dell'ambiente ed esperti di oltre 20 Paesi hanno partecipato alla tavola rotonda e si sono impegnati ad agire insieme al Rotary per aiutare a salvare e ripristinare le mangrovie.

I membri della delegazione del Rotary alla COP26 erano Judith Diment, decano della Rete di Rappresentanti del Rotary, che comprende 32 ambasciatori non ufficiali presso le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali; Doug Wills, rappresentante del Rotary presso il Commonwealth; Karen Kendrick-Hands, che ha partecipato per conto del Gruppo d'azione rotariana per la sostenibilità ambientale; e John MacPherson e Tariq Durrani, che hanno aiutato ad organizzare un concorso per gli studenti del Regno Unito per creare poster da esporre alla conferenza.

Negli ultimi cinque anni, la Fondazione Rotary ha impegnato oltre 18 milioni di dollari per finanziare progetti ambientali sostenibili e basati sulle comunità. Il 1º luglio, la Fondazione ha cominciato ad accettare le domande per le sovvenzioni globali che sostengono l'ambiente, che è stato aggiunto come area d'intervento della Fondazione nel 2020. I potenziali progetti includono l'uso di energia rinnovabile per combattere il degrado ambientale, la coltivazione di cibo sostenibile e la protezione delle fonti d'acqua.

Il Presidente del Rotary International, Shekhar Mehta (al centro, prima fila) ha condotto una tavola rotonda sull'importanza di ripristinare e salvare le mongrovie alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite il 10 novembre 2021 a Glasgow, Scozia. All'incontro hanno partecipato rappresentanti da oltre 20 Paesi.

Foto per gentile concessione di COP26

Ulteriori informazioni sull'impegno del Rotary per l'ambiente.

18 November 2021

Rotary International President Shekhar Mehta joined the Rotary delegation to the 26th United Nations climate conference in Glasgow, Scotland, on 10 November to explore ways Rotary can work on environmental challenges, including by restoring mangroves, a crucial ecosystem that can mitigate the effects of climate change in coastal areas.