Skip to main content

"La pace va vissuta"

Skip to main content

Per la Giornata Rotary all'ONU si celebra la pace, da concetto a realtà

A cura di Foto di

Il giorno del 99º anniversario della fine della Prima Guerra mondiale, oltre 1.200 persone si sono ritrovate a Ginevra per la Giornata Rotary alle Nazioni Unite. 

Rappresentanti da 87 Paesi hanno partecipato l'11 novembre, al Palais des Nations, in precedenza sede della Lega delle Nazioni, impegnandosi personalmente per il tema annunciato dal Presidente del Rotary International, Ian Riseley: “Pace: Fare la differenza”.

View Slideshow

Il Rotary International ha riconosciuto sei campioni della pace alle Nazioni Unite l'11 novembre.

Il Presidente Riseley ha dichiarato: “L'avanzamento di comprensione, buona volontà e pace mondiale è tra gli obiettivi principali del Rotary. È arrivato il momento per tutti noi di riconoscere il potenziale del service del Rotary per edificare la pace, approcciando ogni progetto che svolgiamo considerando l'edificazione della pace”.

Per la prima volta in 13 anni di storia, la Giornata Rotary alle Nazioni Unite si è svolta fuori da New York.

La Giornata Rotary ha concluso la Settimana della pace a Ginevra, durante la quale John Hewko, Segretario generale del Rotary International, ha dichiarato che “forti legami di lunga data legano il Rotary all'ONU nel (loro) obiettivo comune di pace e comprensione internazionale”.

I soci del Rotary “possono trasformare un concetto come la pace in realtà attraverso il service”, secondo Ed Futa, alla guida dei Rappresentanti del Rotary presso le Nazioni Unite. “La pace va vissuta piuttosto che predicata”.

Durante il momento saliente della giornata, Hewko ha presentato i vincitori dell'iniziativa Rotary’s 2017 People of Action: Champions of Peace, riconoscendoli come “la personificazione della vasta serie di attività e impatto della nostra organizzazione”, riconoscendoli per aver creato "una mappa delle società più pacifiche e resistenti”.

Il Rotary ha riconosciuto sei individui che hanno rilasciato delle brevi dichiarazioni:

  1. Alejandro Reyes Lozano, del Rotary Club di Bogotá Capital, Cundinamarca, Colombia: Come "membro della generazione cresciuta con incertezze e paure”, Reyes Lozano ha avuto un ruolo chiave nei negoziati al termine di 50 anni di conflitto tra il governo colombiano e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC). Oggi Alejandro sta usando una sovvenzione globale della Fondazione Rotary per guidare gli sforzi di edificazione della pace tra le donne di sei Paesi dell'America Latina.

  2. Jean Best, del Rotary Club di Kirkcudbright, Dumfries e Galloway, Scozia: “Senza pace con noi stessi non potremo mai avanzare la pace nel mondo”, ha dichiarato Jean Best, spiegando il progetto The Peace, il programma che ha creato per aiutare "i leader futuri della pace" a sviluppare le doti necessarie per risolvere i conflitti nella loro vita.

  3. Safina Rahman, del Rotary Club di Dhaka Mahanagar, Bangladesh: “L'istruzione è un veicolo potente e trasformativo per la pace”, secondo Rahman, una promotrice appassionata dei diritti dei lavoratori, che promuove e offre anche opportunità di formazione e istruzione alle ragazze. 

  4. Ann Frisch, del Rotary Club di White Bear Lake, Minnesota, USA: L'iniziativa di Frisch, Civilian-Based Peace Process ha introdotto il concetto radicale di "protezione disarmata dei civili” in zone di guerra in tutto il mondo. La "Pace sostenibile" secondo lei "richiede il forte impegno dei civili”.

  5. Kiran Singh Sirah, borsista della pace del Rotary: In qualità di presidente dell'International Storytelling Center a Jonesborough, Tennessee, USA, Sirah usa racconti per promuovere la pace, nutrire l'empatia e edificare un senso di appartenenza alla comunità. “I racconti sono importanti —penso proprio che siamo molto importanti", ha affermato Kiran Singh Sirah.

  6. Taylor Cass Talbot, borsista della pace del Rotary: Attualmente residente a Portland, Oregon, USA, Cass Talbot ha organizzato un partenariato con la SWaCH, una cooperativa di prelievo rifiuti dell'India, formando Pushing for Peace, che promuove la sicurezza, l'igiene e la dignità tra coloro che vivono prelevando rifiuti a Pune, India. La sua advocacy mostra anche un lato artistico: il suo progetto Live Debris risponde in modo creativo alle questioni dei rifiuti su scala globale.

Dopo la premiazione, i sei vincitori hanno partecipato ad alcuni workshop dedicati alla sostenibilità e alla pace, istruzione, scienza e pace, ideati da e per giovani leader, durante il quale giovani Rotaractiani di tutto il mondo hanno avuto un ruolo di spicco. 

Il dott. Michel Zaffran, Director of polio eradication presso l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ha presentato un aggiornamento sugli sforzi per l'eradicazione della polio. Sono stati discussi i grandi progressi ottenuti da Rotary, OMS, Bill & Melinda Gates Foundation e gli altri partner nell'eliminare il 99 per cento dei casi di polio a livello globale. 

Riportando l'attenzione alla pace, Zaffran ha dichiarato: “Questa stessa relazione internazionale (l'eradicazione della polio) può essere usata per ottenere la pace”.

A Zaffran si sono associati Sua Eccellenza Mitsuko Shino, Rappresentante permanente del Giappone presso le Organizzazioni internazionali di Ginevra e co-Presidente del PGruppo Partner della polio della Global Polio Eradication Initiative. 

Nel suo discorso principale, il Presidente Riseley ha fatto un'osservazione simile: “Il lavoro dell'eradicazione della polio ci ha insegnato che quando abbastanza persone lavorano insieme, quando si comprendono i problemi e le procedure da seguire, quando si combinano e si fa leva sulle risorse disponibili, quando si definiscono piani e obiettivi — è possibile spostare intere montagne. E in questo momento c'è bisogno più che mai di azione e cooperazione!”.

  1. Il promotore di pace del Rotary Kiran Singh Sirah parla alle Nazioni Unite.

  2. Oltre 1.200 persone da tutto il mondo hanno partecipato alla Giornata Rotary alle Nazioni Unite.

  3. Un workshop creato da e per giovani leader ha esplorato istruzione e scienza come percorsi per la pace.

  4. La Giornata Rotary all'ONU si è concentrata sulla pace. "La stessa relazione internazionale (per l'eradicazione della polio) può essere usata per realizzare la pace", secondo il dott. Michel Zaffran, Director of polio eradication presso l'Organizzazione Mondiale della Sanità.

  5. In un video-messaggio, António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha dichiarato che l'ONU “continuerà a contare sulla leadership e l'impegno del (Rotary)”.

  6. Rotaractiani da tutto il mondo hanno aiutato a organizzare workshop su pace, istruzione e scienza. Oltre un terzo dei partecipanti aveva un'età inferiore a 35 anni.

  7. Il Presidente del Rotary International Ian Riseley e sua moglie Juliet mentre ascoltano i discorsi. "È arrivato il momento per tutti noi per riconoscere il potenziale di tutto il service del Rotary per edificare la pace e approcciare tutti i progetti che svolgiamo tenendo a mente l'edificazione della pace”, ha dichiarato Riseley durante il suo discorso principale.

  8. “Nel corso della storia del Rotary abbiamo provato che non occorre essere dei diplomatici per edificare la pace”, ha affermato Paul A. Netzel, Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Rotary.

  9. John Hewko, Segretario generale del Rotary International, ha complimentato i Campioni di pace del Rotary "come personificazione della vasta serie di attività e impatto della nostra organizzazione” e li ha ringraziati pubblicamente per aver fornito “una mappa per società più pacifiche e resistenti”.

  10. Taylor (Stevenson) Cass Talbott, al centro, e Safina Rahman.

  11. La Giornata Rotary alle Nazioni Unite si è svolta lo stesso giorno del 99º anniversario della fine della Prima Guerra mondiale.